L'Associazione Treni Storici Emilia Romagna - Adriavapore

L’Associazione Treni Storici Emilia Romagna - Adriavapore è un gruppo di appassionati di treni e ferrovie che si prefiggono di valorizzare la cultura ferroviaria attraverso lo studio della storia, della tecnica e dello sviluppo del territorio segnato dal passaggio della ferrovia nelle diverse fasi della storia dell’Emilia Romagna e non solo.

Nata nel 1998, per i tredici anni consecutivi ha collaborato con Trenitalia, attraverso una apposita Convenzione, al recupero, mantenimento ed esercizio di un cospicuo parco storico presso il Deposito Locomotive di Rimini.

Per vicende esterne, la Convenzione dal 2011 non è più stata rinnovata e la sede del Deposito di Rimini è segnata da un futuro alquanto incerto.
Tuttavia, recenti manifestazioni hanno visto, tra l'altro, l'effettuazione di diversi treni storici a vapore, per i quali sono stati impegnati nostri soci nell'ambito di una mirata e formale Convenzione con Trenitalia.

Obiettivo dell’Associazione è anche la salvaguardia della memoria di ciò che le ferrovie hanno rappresentato nella nostra Regione attraverso la conservazione di materiale cartaceo, dei rotabili salvati dalla demolizione, delle infrastrutture rimaste.
A tale scopo Adriavapore, associata alla FIFTM (Federazione Italiana Ferrovie Turistiche e Museali), a sua volta inserita in Organismi europei, collabora con la sezione romagnola dell’AIPAI (Associazione Italiana per il Patrimonio Archeologico Industriale), rapportandosi tramite questa con Italia Nostra, e in stretta sinergia collabora altresì con la Fondazione Ferrovie dello Stato Italiane, di recente costituita.


Storia fra la Storia
La locomotiva 740-143 fa parte di un lotto di 203 locomotive nate tra il 1911 ed il 1915 e costituenti la cosiddetta I^ serie del gruppo 740. Questa locomotiva è stata restaurata a cura delle Officine Grandi Riparazioni di Verona Porta Vescovo nel 1994 ...


...Il Treno Bianco Azzurro...

Leggete il programma della conferenza-seminario ne: "Il mondo di Adriavapore - Avvisi"



    La Pieve romanica di S.Giovanni in Ottavo (o del Tho), ricordata per la prima volta in un documento del 909, deriva il nome dall'VIII miglio della strada romana che da Faenza s'inoltrava nella valle del fiume Lamone...